skip to Main Content
Tutte Le Ragioni Per Cui Non Dovresti Mai Cercare Le Donne In Un Bar

Tutte le ragioni per cui non dovresti mai cercare le donne in un bar

Ti basta chiedere ad un amico qualsiasi: “Dove andresti per rimorchiare e per conoscere una donna?”. La risposta sarà al 99% la seguente: “In un bar, è ovvio!”. Sapendo quello che stiamo per raccontarti oggi, dovrebbe essere un tuo dovere distoglierlo da quell’idea malsana, e naturalmente fare la medesima cosa con te stesso.

Nonostante i bar ad oggi rappresentino dei luoghi di incontro gettonatissimi dagli uomini, sicuramente non sono il luogo adatto per intrattenere una conversazione o una conoscenza con una rappresentante del gentil sesso: non ti stiamo dicendo che non sia possibile avere fortuna, ma che questa è una probabilità davvero molto remota.

Conoscere le donne? La fortuna non basta

Anche se credi di essere l’uomo più fortunato sulla terra, non mettere mai alla prova la tua buona sorte: i bar sono un grandissimo azzardo, perché hanno decisamente più lati negativi che positivi, se parliamo in termini di conoscenza delle donne.

Sono infatti tantissimi i fattori che ti remeranno contro, riducendo al lumicino le tue opportunità, e finendo anche per vanificare le poche buone che ti capitano. Fra alcool che scorre a fiumi, musica spacca-timpani ad altissimo volume, caos e presenza di tanti concorrenti, rischieresti di finire da solo al bancone, depresso e molto ubriaco. Perché non dovresti cercare le donne nei bar, quindi?

  1. I bar sono troppo rumorosi

Comunicare nei bar è praticamente impossibile, soprattutto perché diversi spezzoni di una conversazione verranno sovrastati dalla musica e andranno irrimediabilmente persi, costringendoti a ripetere il mantra: “CHI? COSA? QUANDO? SCUSA, NON HO CAPITO!”. Per chi vorrebbe conoscere seriamente un’altra persona, il caos musicale è il nemico numero 1.

  1. Le opportunità ti sono a sfavore

La maggior parte degli uomini esce a caccia di donne la notte, e naturalmente si reca nei bar: questo significa sostanzialmente che in questi locali troverai una miriade di uomini, tutti eccitati come te, che escono con il solo scopo di rimorchiare. In pratica, ogni donna sarà una gazzella ambita da decine e decine di leoni: questo potrebbe sfiancarla e innervosirla, oppure farla cadere nelle grinfie di uno dei tanti che ti hanno preceduto.

  1. Le donne nei bar sono sospettose

Come ti abbiamo già detto, una donna in un bar è costantemente presa di mira dalle strategie di corteggiamento degli uomini: anche quando in realtà vorrebbero solo uscire con le amiche per bere un cocktail e per rilassarsi, senza paranoie. Non solo spesso non hanno alcuna intenzione di rimorchiare, ma sono costantemente sulla difensiva, per via dei continui attacchi. In sintesi, anche se potresti potenzialmente piacere ad una di loro, la troverai sempre in una situazione psicologica di rifiuto quasi assoluto.

  1. L’alcool distrugge le conversazioni

Al di là del fatto che a nessuna donna piace parlare con un uomo con la “fiatella alcolica”, è praticamente impossibile tenere una conversazione da ubriachi o da alticci. L’alcool, dunque, riduce drasticamente le possibilità di una connessione, anche per una questione di modifiche caratteriali: gli alcolici innervosiscono, fanno cadere le inibizioni fino a superare il limite della decenza, e annebbiano il cervello, facendo apparire stupidi e immaturi. Inoltre, offuscano il tuo senso del giudizio e ti impediscono di avere una chiara percezione della donna che hai di fronte.

Niente bar: dove incontrare le donne?

Le donne vanno incontrate e approcciate durante la vita di tutti i giorni, non nei bar e non di notte. Non servono dei contesti così particolari, perché per attrarre una donna devi semplicemente volerlo . Invece di perdere tempo aumentando le tue difficoltà, cerca di conoscerle quando le loro difese sono posizionate su “off”: vedrai che le soddisfazioni raccolte saranno davvero tante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top